Healing and Meditation Sessions - through the teaching of Bruno Gröning


Resoconti di guarigioni 

 Bruno Gröning muore il 26 gennaio del 1959. La maggior parte dei suoi amici, seguaci e devoti si ritrova a pensare: “Ora è tutto finito! E' morto, se ne è andato. E' triste ma non ci si può fare niente.” Poi si è saputo che le guarigioni e gli aiuti – in tutte le situazioni della vita – continuavano ad arrivare... fino ai giorni nostri!  Sono migliaia di migliaia le persone aiutate e guarite, grazie ai suoi insegnamenti, dopo la morte di Bruno Gröning. Dunque le sue parole si sono dimostrate vere:

 
"Tutti devono morire... anche io. Qualcuno metterà il mio corpo sottoterra, ma io non sarò morto! E chi poi mi chiamerà, io andrò da lui, lo aiuterò, lo guarirò... se è la volontà di Dio! Tutti riceveranno aiuto e guarigione grazie a se stessi."
Bruno Gröning 

* I seguenti resoconti di guarigioni sono qui pubblicati rispettando il desiderio del mittente di condividerli con gli altri “cercatori di aiuto.” 

Kyrie Eleison
Famiglia de Santa Maria
You need Flash Player in order to view this.





*Guarigione dall'Osteoporosi 
Rosemary Davie, 
Amici Indipendenti di Bruno Gröning 
Illawarra, Australia, 
agosto 2015
Pubblicato 14 ottobre 2015
 
Nel 1992 mi è stata diagnosticata l'osteoporosi. Ho assunto dei farmaci, poi nel 2012, sono stata connessa a Bruno Gröning ed ho sentito che mi stava aiutando in diverse aree della mia vita. Quando assorbo l'energia guaritrice divina chiedo sempre a Bruno la mia guarigione totale, per la mia famiglia ed il mio cane e tutti gli altri animali dei quali mi occupo, maltrattati ed abbandonati fino a che non si trova una casa per loro. Negli anni ho fatto esperienza di aiuti e guarigioni per tutti gli interessati. NeI 2014 un esame medico ha rivelato una densità ossea normale e quindi la scomparsa dell'osteoporosi. Di questo sono grata a Dio ed a Bruno Gröning. Sono consapevole che di norma è una condizione che peggiora col tempo e che certo non sparisce.  

Guarigione dai polipi nell'intestino 
Rosemary Davie, 
Amici Indipendenti di Bruno Gröning 
Illawarra, Australia 

Nel 2010 individuano nel mio intestino 2 polipi che vengono eliminati chirurgicamente. L'anno dopo ne compare un terzo, anch'esso rimosso. Nel 2012 sento parlare degli insegnamenti di Bruno Gröning, partecipo regolarmente alle riunioni e cerco la connessione con l'energia guaritrice. Solo nel 2013, dopo aver sperimentato per la prima volta l'energia divina nella riunione di gruppo, questa diventa una pratica quotidiana. Sempre nel  2013 individuano l'ennesimo polipo intestinale. Piccolo... il medico mi consiglia perciò di aspettare e vedere se cresce.. nel qual caso sarà rimosso. Faccio regolarmente appello a Bruno per la mia salute totale. Un anno dopo, nel 2014, gli esami non indicano la presenza di alcun polipo.
 
*Guarigione dalla Psoriasis guttata 
Gruppo degli Amici Indipendenti di Bruno Gröning  
Wiesbaden, 
Germania, 
29 agosto 2015 

Nell'inverno del 2010 la mia bambina di 3 anni manifesta delle piccole macchie secche all'esterno della coscia, macchie che scompaiono per l'estate. L'inverno successivo ricompaiono, ma di dimensioni maggiori. Non facciamo altro che applicare una crema grassa sulle piccole squame rosse. La cosa continua fino al dicembre del 2012, quando dobbiamo ricorrere ad un antibiotico in conseguenza di una scarlattina con streptococco. A gennaio 2013 le macchie sono aumentate così tanto che cerchiamo una pediatra la quale dice si dovrebbe trattare di psoriasi, ed a febbraio la cosa viene certificata da un dermatologo. Nuove macchie compaiono ogni giorno. Fortunatamente non si vedono dal di fuori perché faccia e collo non sono colpite.
 
Ad aprile la bambina ha la varicella: non c'è un pezzettino di pelle che non sia pieno di varicella o di ruvidi punti rossi. Finito il periodo di contagio, ritorna all'asilo. Inizialmente per le macchie rosse che sono rimaste possiamo “dare la colpa” alla varicella, ma queste scompaiono nel tempo mentre quelle secche restano. 
Arriva la primavera... le macchie rosse non potranno più essere nascoste dai vestiti. Fortunatamente mia figlia è molto sicura e risponde alle domande sulla sua pelle, che è secca. Da gennaio ad aprile 2013 – dopo la scomparsa della varicella – spalmavo la crema grassa sulle macchie rosse e ruvide, rimanendo sorpresa che mia figlia non si lamentasse mai dei vestiti che vi restavano appiccicati. Il cuoio capelluto era anch'esso colpito, coperto da uno spesso strato di forfora. 

Stando agli insegnamenti di Bruno Groening, pensavamo fermamente che tali manifestazioni fossero una forma di  “Regelungen” [regolazioni]. A volte è in questo modo che Dio porta alla completa guarigione. Non era una situazione sempre facile. Ogni giorno, mia figlia ed io facevamo Einstellen [connessione] insieme. Il nostro omeopata le da poi un rimedio omeopatico. Siamo dovuti arrivare a fine anno per vederla “pulita” e senza più ricadute. Nell'estate 2013 va a scuola e scopriamo che la mascotte della classe è un orso... il cui nome è “Bruno”. Sapevo che Dio era con noi e lei sarebbe stata curata. 

Quando nel febbraio del 2013 fu fatta la diagnosi di "psoriasi guttata", mia figlia disse : “Io ho Hakuna Matata". Pensai fosse divertente perché era una citazione dal film “Il Re Leone” ed esprimeva qualcosa i positivo. Solo al momento di scrivere ho guardato su Internet il significato esatto della frase. Hakuna (Non c'è nessuna) Matata (difficoltà): che equivale ad un colloquiale: “va tutto bene.” In qualche modo aveva percepito che doveva passare attraverso una esperienza [malattia] che sarebbe poi scomparsa nuovamente. 

Quando aveva a che fare con le eruzioni cutanee, spesso era arrabbiata, soprattutto quando capitava qualcosa che non le piaceva. Ci siamo resi conto di questo stato di cose e ne abbiamo parlato con nostra figlia dicendole che la sua rabbia doveva avere qualcosa a che vedere con la sua pelle e che se avesse cambiato modo di fare la pelle sarebbe potuta guarire. C'è voluto un po' prima che comprendesse ma poi ha funzionato. Ringrazio Dio per questa grande guarigione e tutte le persone che sono state vicino a mia figlia ed alla nostra famiglia, soprattutto la guida della comunità indipendente di Wiesbaden, la quale mi ha ripetutamente incoraggiato e mi ha aiutato a maturare una profonda convinzione nella guarigione di mia figlia, oltre ad  incoraggiarla a lavorare sul proprio modo di reagire. 

*Guarigione da ulcere alla bocca 
Lynn Littley - 
Gruppo degli Amici Indipendenti di Bruno Gröning 
Illawarra, Australia, giugno 2014.

Ricordo benissimo l'anno in cui iniziai a notare la comparsa di ulcere alla bocca: era il 2009. Apparivano in punti diversi da 1 a 3 ulcere. Molto dolorose.  Poi per un paio di settimane sparivano, solo per poi ritornare. E la cosa si ripeteva con regolarità. Mio marito riteneva non fosse normale per nessuno l'avere così spesso delle ulcere alla bocca, così presi un appuntamento con un medico. 
Il medico disse che la causa poteva essere lo stress od un cambiamento ormonale nel mio corpo. Risposi che non poteva essere stress perché sono una persona felice. Un tampone alla bocca diede esito negativo. 

Presi un appuntamento con un secondo medico, ed un secondo tampone alla bocca diede anch'esso esito negativo. Anche per questo professionista la causa era lo stress. Dato che entrambi i medici erano dello stesso parere, ma io non lo condividevo, decisi di non preoccuparmi ma di applicare comunque il gel SM 33, una crema allo zovirax, come prescritto. Oltre ad usare il colluttorio  della Listerine.
Seguendo le indicazioni, applicavo la crema non appena compariva un'ulcera e mi sciacquavo di frequente con il colluttorio. Le ulcere erano fastidiose e dolorose, soprattutto quando mangiavo, erano molto irritanti e difficili da ignorare. Un'esperienza orribile: comparivano sulla lingua, sulle gengive ed anche sul palato, durante tutto l'anno. Sparivano per poche settimane solo per ritornare e, se ero fortunata, sparire in un mese. La cosa andò avanti fino al 2012. Quell'anno decisi di recarmi nuovamente dal medico che mi raccomandò una visita specialistica. 
Consultai uno specialista che vive a Sydney e che a volte visita anche a Wollongong, la zona dove vivo. Non sembrò preoccupato delle mie condizioni e disse  che secondo lui era uno squilibrio ormonale. Mio diede poi una cura per le ulcere. Tornai dal medico precedente perché il farmacista non era riuscito a leggere la ricetta dello specialista, e siccome non ci riusciva nemmeno il medico, mi venne prescritta un'altra crema: il kinalog, che alternai con il gel SM.
Questa la condizione della mia bocca prima che fossi introdotta agli insegnamenti di Bruno Gröning. Nel marzo del 2014, mio marito ed io fummo introdotti agli insegnamenti di Bruno Gröning. Due volte al giorno ci connettevamo con il flusso di energia guaritrice. Iniziai a chiedere al buon Dio ed a Bruno Gröning una guarigione totale, ed in particolare che le mie ulcere sparissero. Lo chiedevo ad ogni riunione di gruppo ed ogni volta che a casa assorbivo l'energia divina. Anche mio marito lo chiedeva per me.
Fra aprile ed i primi di maggio notai un marcato aumento delle ulcere che poi scomparvero completamente. Non potevo essere più felice! E' splendido ricevere una guarigione naturale dall'energia divina. Ringrazio Dio ed il buon Bruno per questa guarigione


* Guarigione del mio cane Simba - Ghiandola anale bloccata ed infetta. 
Maria Nuria Segura, 
Australia,  Febbraio 2013

Circa 2 anni fa, il mio cane Simba, che oggi ha 10 anni, iniziò a sfregare il didietro sulla terra. La cosa si ripeteva spesso ed inizialmente pensai si trattasse di vermi. Ma siccome ogni 3 mesi prendeva un vermifugo, decisi di rivolgermi al veterinario.   
Dopo una visita, mi disse che il problema non aveva a che vedere coi vermi ma con una ghiandola anale, e di stare a vedere come procedeva. Tenevo Simba sotto controllo e vidi che continuava a sfregarsi il didietro, ma aveva un buon appetito e per il resto godeva di ottima salute. Come attualmente.  

10 giorni fa inizia a sanguinare dall'ano, lo porto da un altro veterinario che mi conferma la precedente diagnosi segnalando la necessità di un intervento chirurgico dato che il sanguinamento indicava che la ghiandola anale era bloccata ed infetta e doveva essere tolta. Ero un po' a corto di denaro, ma il pensiero del mio cane che soffriva mi indusse a chiedere un anticipo sulla pensione per far fronte all'impegno economico. 

Martedì 15 gennaio prenotai l'intervento chirurgico per il venerdì successivo. Dalla mia introduzione agli insegnamenti di Bruno Gröning, nel 2009, faccio Einstellen regolarmente e la sera, non appena mi posizione per ricevere l'Heilstrom, i miei 3 animali da compagnia si siedono vicino, regolari come un orologio. Quella sera mi sintonizzai come al solito per tutti e 3, con una richiesta speciale a Bruno Gröning per Simba, e dissi al mio cane che Bruno lo avrebbe aiutato.
Quando venerdì andai alla clinica veterinaria per l'operazione, il veterinario fece a Simba un esame preliminare prima dell'intervento. Dopo aver controllato e ricontrollato l'area disse che la ghiandola era ritornata normale e che l'intervento non era più necessario. 
Il veterinario era sorpreso da questo esito mentre io ero contentissima che tutto si fosse risolto prima dell'operazione. Portai a casa il cane radiosa sapendo da dove fosse arrivato l'aiuto. 
Il mio amico Bruno ha aiutato il mio amato Simba e si è preso cura anche delle mie finanze. Dal più profondo del mio cuore ringrazio Dio e Bruno Groening per questa guarigione. 

* Aiuto ad una mano ferita. 
Maria Nuria Segura, 
Australia, Settembre 2012 

Ai primi di maggio 2012 ero in cucina che preparavo un'insalata utilizzando un coltello appena affilato quando, cercando di togliere il nocciolo da un avocado che tenevo nella mano sinistra, la lama penetrò nel frutto e poi nel palmo della mia mano sinistra con un'angolazione tale da perforare il dito indice e quasi trapassarlo. Inizia subito a sanguinare abbondantemente e compresi mi servisse assistenza medica. Avvolsi la mano con un panno stretto per fermare l'emorragia e salii in macchina con l'intenzione di guidare fino al vicino ospedale locale. Ma non riuscivo a stringere il volante per il male e lo stordimento provocati dalla ferita alla mano. A quel punto chiedo aiuto a Bruno Gröning.
Un mio vicino, che stava passando, vede la mia mano e l'espressione di dolore sul mio viso e dopo aver sentito l'accaduto si offre di portarmi all'ospedale. 
Al pronto soccorso il medico si occupa della mia mano, la disinfetta in vari punti e mi fa l'antitetanica. Dopo il primo intervento mi comunica che è stata recisa un'arteria e che è necessario intervenire chirurgicamente e mi fornisce la richiesta da presentare al vicino ospedale pubblico dove sono disponibili le attrezzature del caso. A due giorni dall'incidente subisco l'intervento chirurgico che include numerose incisioni sulla mano per  riparare l'arteria danneggiata che, mi dicono, era collegata al muscolo cardiaco. 

Mi vengono dati 14 punti di sutura sul palmo della mano, disposti a forma di M, e mi informano che è rimasto tagliato un nervo e che occorreranno almeno 3 mesi perché si ripristini il collegamento nervoso, periodo durante il quale la mano resterà paralizzata.
La notte mi connetto con la Corrente Guaritrice e chiedo a Bruno una rapida guarigione. 14 giorni dopo vengono tolti i punti sotto i quali c'è un leggero segno e 20 giorni dopo posso mostrare la mano agli amici del mio gruppo e non vi vedono nessun segno. Solo io e mia figlia, che era presente all'incidente, sapevamo che la mano aveva subito un intervento chirurgico.
 
Ma la notizia più bella era che potevo muovere e flettere la mano senza fatica o dolore ma con solo un leggero intorpidimento alla punta delle dita, quando le piegavo. Invece dei 3 mesi – ritenuti il periodo minimo per un recupero – erano bastati 20 giorni. Sono convinto che la mia richiesta di aiuto a Bruno Gröning abbia funzionato con me in questo, come in altri casi del passato. 
Ringrazio Dio ed il mio amico Bruno per questo splendido aiuto.

* Spasmi acuti 
Un resoconto dal Cheshire, UK., 
19 marzo 2015 
Jack.Dempsey, 2015 johnfrancisd@gmail.com 
Pubblicato 26 marzo 2015
 
Il male che ha devastato il mio amico Neil ha avuto inizio alcuni anni fa, crescendo di frequenza ed intensità. Gli attacchi – degli spasmi dolorosi – lo colpivano ad intervalli e lo portavano a stringere forte lo stomaco ed a  irrigidirsi tutto mentre gli spasmi dolorosi crescevano di intensità per poi diminuire gradatamente. Ho visto succedere la cosa più e più volte con una sequenza che lo portava ad irrigidirsi immobile per circa 1 minuto nel quale Neil doveva fermarsi, qualsiasi cosa stesse facendo, per concentrarsi a sopportare il dolore che si sarebbe manifestato.
I dolori potevano essere così forti e durare così a lungo che lo vedevi piangere e poi manifestare apertamente il sollievo al loro andarsene. Era chiaro quanto Neil fosse in difficoltà e negli ultimi mesi gli attacchi si verificavano, anche se in modo irregolare, praticamente ad ogni ora del giorno e della notte.

Alcuni, presenti agli attacchi, ipotizzarono un tumore allo stomaco; fu anche ipotizzata un'ulcera allo stomaco. Col passare del tempo le suo condizioni non miglioravano, anzi peggioravano. Nei primi anni del male Neil non assunse mai antidolorifici poi, a spostare le forze in campo a favore di Neil, entrò in campo un nuovo fattore: Neil vide le foto di un famoso guaritore che venivano usate come punto di riferimento nella preghiera e nella meditazione... sapeva anche che emicranie, dolori e malanni potevano a volte essere risolti semplicemente ponendo un'immagine del guaritore sulla parte del corpo colpita, mentre si prega chiedendo aiuto. 

Per quanto improbabile la cosa possa sembrare, spesso ne conseguivano sollievo e guarigione. Neil si era anche incontrato con delle persone, attendibili ed apparentemente in ottima salute, che affermavano di aver vissuto in prima persona queste esperienze di guarigione e che sostenevano la possibilità, anzi la probabilità, di successo, di guarigione. 

Nel febbraio del 2015 entrò in possesso di un'immagine  in formato cartolina e, considerando di non aver nulla da perdere, posizionò l'immagine plastificata sulla parte del corpo malata... circa sulla punta dello sterno. Decise di tenerla lì a tempo indeterminato, fuori dalla vista, a contatto con la pelle ma coperta da una maglietta...
Come mi ha ricordato recentemente, ci vollero pochi giorni prima che gli attacchi dolorosi diminuissero per durata, frequenza e gravità e nell'arco di 3 giorni cessarono completamente. 

Il processo di guarigione fu rapido e rassicurante ed il guaritore, attraverso la sua fotografia, ha portato una piena e desiderata guarigione ad un altro essere umano e ciò nonostante non sia più su questa Terra – almeno con il corpo – da molti anni. Il guaritore è infatti Bruno Gröning, che ha lasciato il nostro pianeta nel 1959, promettendo che se qualcuno bisognoso di aiuto o guarigione si fosse rivolto a lui anche dopo la sua morte, a Dio piacendo, avrebbe continuato a fornire aiuto. 

In Europa esiste un vasto archivio privato delle guarigioni attribuite all'intervento di Bruno Gröning con casi documentati e testimoniati, molti dei   quali hanno visto la presenza di medici e professionisti di varie specialità  sanitarie. Benché fossero già numerosissime le testimonianze di aiuto e guarigione ricevuti a seguito delle richieste inviate a questo sant'uomo, mi sono sentito in dovere di riferire un ulteriore caso essendosi questo verificato in tempi recentissimi ed avendomi visto testimone di persona, qui nella mia Inghilterra. 

* Robbie Robbins, Houston, Texas, USA 
Tel. 001-281-705-012
Pubblicato il 19 marzo 2015

Cari Amici,
Devo dirvi che la nostra riunione di stasera con Bruno Groening è stata un vero successo: la Heilstrom (corrente guaritrice di Dio) era potente. Erano presenti 10 persone... una in particolare, Ike, unitasi alle nostre riunioni solo un mese su una sedia a rotelle con gravi limitazioni di movimento. 
Stasera Ike è arrivato alla riunione camminando!... piano, ma camminando. Abbiamo tenuto la riunione come d'abitudine ed abbiamo condiviso l'Heilstrom come sistema concreto di guarigione…parlando di energia... l'energia di Dio era in tutti ed ha preso la forma di una grossa palla di energia fra le mani…
Abbiamo proiettato tale energia a quelli il cui nome era nel Cestino delle Guarigioni... l'abbiamo usata come un pratico processo di guarigione. Attraverso il nostro intento abbiamo passato l'Heilstrom a quelli nel Cestino delle Guarigioni. Grande riunione! 

* Resoconto di guarigioni dalla Danimarca
 
Vienna, Robyn Dannenberg, Denmark 
Pubblicato il 6 febbraio 2015 

Gennaio 2015  Una delle mie amiche danesi - che partecipa ormai da un anno alle riunioni di un circolo indipendente di amici di Bruno Gröning nella zona di Copenhagen – mi ha riferito il 21 gennaio 2015, di due casi di guarigioni da considerare conseguenza diretta dell'aver messo una foto di Bruno Gröning sulla parte malata. 

1° Caso. Anziana signora,una guancia molto gonfia con un dolorosissimo mal di denti. Alla radiografia risulta necessaria una cura canalare. 
L'attesa è di una settimana. L'appuntamento – preso venerdì 2 gennaio – è per il successivo venerdì 9 gennaio 2015. La mia amica comunica alla signora le notizie fondamentali relative a Bruno Gröning, agli effetti dell'energia che arriva per suo tramite e ne posiziona una sua foto sull'area gonfia. Quando il 9 gennaio il dentista procede ad una ulteriore radiografia non sono presenti segni di infezione. Già dopo il posizionamento della foto di Bruno Gröning, l'area gonfia era ritornata alla condizione normale. La cura canalare non è più necessaria. Diversamente dal suo consueto modo di fare riservato, la signora si rivolge alla mia amica commentando apertamente: “Sono stata guarita!” Felice per la guarigione e per la spesa risparmiata! 

2° Caso. La mia amica danese sperimenta di persona la liberazione da un serio malanno. Da due anni una macchia nella sua mano sinistra era cambiata, crescendo e dando prurito. Ad autunno 2014 ed agli inizi di gennaio 2015 posiziona ripetutamente una foto di Bruno Gröning sulla parte malata. Il 22 gennaio 2015, può affermare – con sua totale sorpresa – che il disturbo cutaneo è completamente scomparso. 

* Problemi di vista, 
Terry Ryan, Australia, 
Marzo 2012 
Esperienza di guarigione 
pubblicata il 18 gennaio 2015

Attorno ai 20 anni mi sono stati prescritti occhiali per leggere. A 30 anni si è deteriorata anche la vista da lontano e così dovevo portare due paia di occhiali contemporaneamente. Dopo alcuni anni sono passato alle lenti bifocali. Senza occhiali non vedo chiaramente. Me li tolgo solo per dormire e fare la doccia.
Sono stato introdotto agli insegnamenti di Bruno Gröning nell'aprile del 2009, dopo aver letto un annuncio sul quotidiano locale. Subito dopo l'introduzione mi sono connesso con regolarità con la Corrente Guaritrice ed ho acquistato tutti i libri disponibili in lingua inglese su Bruno Gröning. Mano a mano che cresceva la mia comprensione e la mia mente si allargava, mi convincevo sempre più di essere sulla strada giusta. 
Una sera, era il 24 ottobre 2010, mentre assorbivo la Corrente Guaritrice ho sentito come un'onda di energia che riempiva tutto il mio corpo. Poi un'esperienza sorprendente: ho percepito una palla di fuoco di luce bianca dai bordi dorati che ruotava attorno ai miei occhi e sembrava illuminare dall'interno le mie tempie. Poi ho ricevuto un messaggio, come una voce interna che emanava da tale luce, che mi dice: “Sei guarito, non metterti più gli occhiali.” 
Ero sicuro che il messaggio venisse da Dio. 

Quando apro gli occhi l'intera stanza è piena di luce e la mia visione è limpidissima. Mi alzo in piedi e, siccome mi tolgo gli occhiali prima di assorbire l'energia, non me li rimetto – come invece facevo di solito – ma vado a prendere un libro con caratteri di stampa molto piccoli ed inizio a leggerlo senza problema. Sono euforico: sono sicuro di aver appena ricevuto una guarigione straordinaria, continuo a leggere da qualsiasi tipo di libro mi metta in mano. Vedo chiaramente e leggo di tutto!

Non riesco a contenermi e continuo a dire a mia moglie:”Posso leggere, posso leggere e vedere perfettamente!”
Ero talmente eccitato e sopraffatto che quella notte ho avuto grosse difficoltà a dormire. La corrente guaritrice sembrava fluire di continuo lungo il mio corpo. La mattina dopo, appena sveglio, vado a prendere un libro ed inizio a leggerlo senza occhiali. Ancora una volta vista perfetta! Per prima cosa la mattina andiamo a fare una passeggiata sulla spiaggia, prendo un paio di occhiali da sole di mia moglie – i miei avevano lenti graduate - e... nuovamente nessun problema! 

Vedo perfettamente, leggo i cartelli, le targhe delle auto e la gente sia quando è lontana che quando, camminando sulla spiaggia, diventa vicina.

Guardo all'orizzonte e ringrazio Dio e Bruno Gröning per questo splendido avvenimento, e le lacrime scendono sul mio viso. Poi guido andando al lavoro, e tornando, con gli occhiali da sole di mia moglie e porto avanti il mio lavoro normalmente: leggo files, lavoro al computer, riempio a mano dei moduli, leggo mappe architettoniche... tutto senza occhiali da vista.  Alla fine della giornata sono invaso da un profondo sentimento di gratitudine e mi sento molto vicino a Dio ed a Bruno Gröning.

La mattina dopo mentre sono al lavoro compaiono le regolazioni: diarrea e nausea, ma la vista è perfetta ed il morale alto! La cosa va avanti per 3 giorni, ma stranamente solo quando sono al lavoro, mai quando sono a casa. Poi cessa. Nel novembre 2010 dovevo rinnovare la patente di guida, che prevedeva l'uso di occhiali: “condizione speciale S” come recitava il documento.  

Decisi di anticipare all'11 novembre 2010 per vedere se potevano togliermi tale limitazione.  Quando chiamai la Motorizzazione spiegai all'impiegato che non avevo completato il questionario nel punto dell'obbligo di portare gli occhiali perché avevo avuto una guarigione e non avevo più bisogno di portarli. Mi guardò per un attimo e disse che dovevo sottopormi ad un esame della vista e quindi mi chiese di legger la terza riga su di un tabellone dietro di me. Lo feci senza la minima difficoltà. Ora ho la patente senza l'indicazione dell'obbligo di indossare degli occhiali da vista. 
Ero nuovamente così eccitato che andai a comperare un nuovo paio di occhiali da sole per sostituire i vecchi ai quali  avevo tolto le lenti ed aggiunto degli additivi colorati. 
Il giorno dopo ho iniziato a sentirmi febbricitante e con delle vertigini, momenti di visione offuscata o doppia. Anche questo solo sul lavoro mentre avevo a che fare con clienti o colleghi, non sempre, mai quando ero da solo od a casa. In alcuni di quei momenti mi sentivo come se qualcuno mi dicesse che non ero stato veramente guarito e che qualcosa mi stava forzando a rimettermi gli occhiali. 
Rispondevo mentalmente ribadendo il mio credo nella mia guarigione. Sapevo si trattava di una forza negativa che cercava di derubarmi della mia guarigione e che si mi fossi rimesso gli occhiali – anche solo per il breve periodo necessario a finire un lavoro – avrei perso la grazia ricevuta. Così uscivo prima possibile dall'ufficio e guardavo gli alberi lì vicino, il cielo e chiedevo aiuto a Bruno Gröning perché mi aiutasse e mi rassicurasse subito che tutto fosse in ordine. Ritornavo quindi nel mio ufficio e continuavo il lavoro senza difficoltà. La cosa si è protratta per 3 settimane, per poi scomparir e la mia vista è tornata offuscata solo in rare occasioni.
Successivamente le Regolazioni sono cessate completamente e da allora il colore dei miei occhi non si è più sbiadito ed è di quell'azzurro chiaro che avevo da giovane. Una serie di esami condotta da un oftalmologo ha poi confermato che la mia vista è normale. 
Ho una profonda gratitudine nel cuore e ringrazio Dio e Bruno Gröning per questa splendida guarigione. 

*Resoconto di un'esperienza – Tiroidite di Hashimoto 
Maria Machuca, 41 anni, 
Australia, giugno 2013. 

Nel 1996, al 5° mese di gravidanza, mi diagnosticano prima una forma di ipotiroidismo, poi il disturbo di Hashimoto (tiroidite autoimmune). Avevo in gola una massa, proprio sopra alle corde vocali, delle dimensioni di circa 3 cm. Data la posizione, l'intervento chirurgico era considerato a rischio. Mi curano con tiroxina, ogni 6 mesi esami del sangue ed ogni 12 un ago aspirato senza anestesia. In più una visita specialistica annuale.
Ad ogni esame il dosaggio veniva alzato od abbassato a seconda dei risultati. Due anni fa mi sento molto male con tutti i sintomi sia dell'ipotiroidismo che dell'Hashimoto. Erano così forti che ogni mattino al risveglio mi sentivo esausta, avevo nausee ed i sintomi peggioravano durante il giorno. Mi sentivo che se anche avessi dormito una settimana intera mi sarei svegliata stanca. Avevo dolori muscolari in tutto il corpo, nessun farmaco poteva alleviarli perché dipendevano dall'Hashimoto. Gli altri sintomi erano: perdita dei capelli, ciclo mestruale estremamente pesante, dolori come da influenza. Quando il dolore divenne insopportabile, scartai l'idea di chiamare un'ambulanza perché nessun medico avrebbe compreso la mia malattia.
L'unico periodo nel quale sono stata meglio, in tutti quegli anni, è stato durante la gravidanza del mio 4° figlio, ora di 6 anni. Negli ultimi 2 anni gli esami del sangue hanno rivelato che il livello di Vitamina D era quasi nullo e che avevo una grave carenza di ferro. La tiroide era completamente in disordine, sempre sopra o sotto i livelli normali. Le cure erano dosate di conseguenza, io sempre depressa, i conteggi bassi aumentavano la depressione, che è uno dei sintomi dell'Hashimoto, insieme alla perdita della memoria. 
La cosa continuava e non era  cambiata nell'anno che precedette la mia introduzione. Nel 2011 mia madre mi parlò di Bruno Groening e mio marito ed io ricevemmo l'introduzione ai suoi insegnamenti. All'inizio del 2012 leggo dei rischi del ricorrere alla chirurgia, ma non riuscivo più a vivere e dissi al mio medico che ero pronta per il passo successivo. Mi rispose che prima di tutto i miei livelli di ferro e Vitamina D dovevano salire e che questo era essenziale per l'intervento. Mi somministrò più ferro e tavolette di Vitamina D, oltre ai farmaci usuali. Conosceva un chirurgo che avrebbe potuto operarmi ed iniziò a preparare la documentazione. Ci sarebbero voluti pochi mesi se i livelli di ferro e Vitamina D fossero diventati soddisfacenti.
Tornando a casa mi sentivo sollevata perché finalmente si sarebbe fatto qualcosa e poi mi sarei sentita meglio; ma con il passare dei giorni mi tornavano alla mente le parole del mio medico e dello specialista quando fu diagnosticata la malattia per la prima volta: entrambi avevano detto che la chirurgia sarebbe dovuta essere l'ultima risorsa e che per me, comunque, non era sicura. Inizia a consultare siti web e trovai che c'era una piccola percentuale di persone nelle mie condizioni che o non avevano fatto l'intervento o avevano riportato danni alle corde vocali. Ero in quella minoranza.  Dopo aver letto numerosi libri su Bruno Groening, presi la decisione di essere il capo del mio stesso corpo e che non avevo bisogno che un medico mi dicesse cosa io dovessi fare. Poco dopo iniziai a leggere il libro “Voglio solo aiutare e guarire”. Pensai che una frase in particolare riguardasse me, diceva: “Il successo spesso giunge più rapidamente quando la persona è totalmente disperata e la persona si attacca all'ultima possibilità.” Mi dissi: “Sì, quella sono io!”
Continuai le mie ricerche sul web, per scoprire che i farmaci che avevo assunto per anni facevano ammalare alcune persone ancora di più e queste perdevano i capelli, come era accaduto a me. Poi mi connessi con le Corrente Guaritrice e chiesi a Bruno di aiutarmi. Gli dissi: “Farò quello che deve essere fatto, ma, per favore, guidami perché non sarò capita da un sacco di persone che crederanno che stia facendo la scelta sbagliata e che sia pazza. Da ora in avanti ascolterò solo il mio corpo e penserò a quanto è bello essere in salute e non aver bisogno di nessuna medicina.”
Il 1° giugno 2012 sospesi la tiroxina. 6 settimane dopo un esame del sangue diede risultati migliori del precedente. A quel punto mi convinsi che il mio corpo stava guarendo. Non avevo detto al medico di aver sospeso la tiroxina, ero impegnata a liberarmi dal mio fardello e non volevo che nessuno potesse anche solo cercare di fermarmi. 2 mesi dopo ci fu un ulteriore esame del sangue: ferro e Vitamina D erano nei livelli normali, la tiroide sui limiti... il che voleva dire normale. Il commento del mio medico fu che si trattava dei migliori risultati da quando erano iniziati i miei problemi di salute. Allora gli dissi che avevo sospeso ogni farmaco. La sua reazione non fu buona e mi spinse a tornare sui miei passi. Gli dissi che non lo avrei fatto dato che mi sentivo bene per la prima volta in 16 anni ed i miei esami del sangue provavano che non avevo bisogno di prendere niente. Gli dissi che ascoltavo il mio corpo e capivo cosa era bene per me.
Uscii dalIo studio del mio medico pensando di essere a metà strada: avevo un appuntamento con lo specialista e sapevo non sarebbe stato facile convincerlo. Questi guardò gli esami del sangue e disse che era molto contento che per la prima volta non doveva aggiungere o togliere farmaci dato che i valori erano perfetti. Gli dissi che avevo sospeso tutti i farmaci. La notizia lo sconvolse e con uno sguardo atterrito mi chiese come mi sentissi. Risposi che, con l'eccezione dei mesi della gravidanza, non mi ero mai sentita meglio dal 1996. Come già il mio medico, insistette con forza perché riprendessi la terapia coi farmaci; ed io nuovamente rifiutai. Fu così risentito che non volle nemmeno procedere al consueto esame agli ultrasuoni. Guardai la piccola foto di Bruno che avevo sul retro del mio telefono cellulare e pensai che non mi importava se mi facesse o meno l'esame agli ultrasuoni.  Ringraziai lo specialista ed uscii. Nè io né mio marito siamo più stati in grado di individuare la massa nella mia gola. Successivamente ci sono state giornate nelle quali sperimentavo le “regolazioni” mentre ripensavo alle parole del mio medico e dello specialista, il loro parere e cosa pensavano del mio comportamento.
Il dubbio si insinuava nella mia mente; nel giro di un'ora iniziai a non sentirmi bene e ad avere dolori... ma pensando a Bruno mi sentii subito rassicurata che ero in salute e che non avevo bisogno di farmaci... ed il dolore scomparve! Oggi mi focalizzo solo sul mio benessere e sul quanto la mia vita sia ora diversa. Mi sento una persona nuova, come se il mio interno fosse stato completamente ripulito. Mi sento in modo diverso, penso in modo diverso. Il mio consiglio, a tutti quelli che vogliono una buona salute, è: credete nel bene e mantenetevi positivi, allora possono accadere cose incredibili! Non avete da perdere nulla... se non quello che dentro di voi vi rende malati. 
Ringrazio Dio e Bruno Groening con tutto il cuore per questa guarigione. 


* Aiuto per la mia vicina - 
Dolori cervicali per 6 anni 
Maria Nuria Segura, Australia
Settembre 2012 

Una mattina di aprile stavo lavorando alacremente in giardino – mi piace molto farlo – quando ho visto la mia vicina di 72 anni. Mi saluta cordialmente e commenta quanto sia fortunata di poter fare un lavoro così duro senza provare dolori. Lei invece poteva fare solo il minimo dei lavori di casa avendo dei dolori fissi nella zona del collo. Un dolore, mi spiega, iniziato 6 anni fa dopo un profondo massaggio per un problema alla spalla e mai cessato da allora. 
Mi viene subito in mente che Bruno Groening potrebbe aiutare la mia vicina. La invito a casa dove le spiego brevemente come connettersi con la Corrente Guaritrice e come affidarle gli affanni da portar via. Siamo sedute entrambi e chiedo con tutto il cuore a Bruno Gröning di aiutarla. Dopo pochi minuti sente un dolore acuto nel collo e si allarma. Le spiego del meccanismo della Regolazione e che quello è un segno che la forza Divina ha attivato il processo di guarigione. Prima che vada a casa le consiglio di connettersi nuovamente la sera.
Alle 7 del mattino seguente bussa alla mia porta chiedendomi se potevamo nuovamente connetterci, visto che da sola non riusciva a concentrarsi. Ero molto felice di farlo, così ci sediamo tutte e due ad ascoltare della musica. Successivamente lei si lamenta di un altro forte dolore nella stessa zona del precedente e desidera andarsene subito. Le dico di confidare nella Regolazione. Poche ore dopo vedo un'ambulanza alla sua porta e viene portata in ospedale. Sono allarmata e mi chiedo cosa stia pensando la mia vicina: forse che l'ho danneggiata, visto che non ha compreso bene il meccanismo della Regolazione. 
Ma respingo questo pensiero e quella notte chiedo a lungo che sia protetta e ripeto a me stessa che lei sta bene e sta semplicemente vivendo quel processo di pulizia che precede la guarigione.
La sera seguente viene a dirmi che il marito, vedendo che aveva dei dolori fortissimi a collo e spalle, aveva chiamato un'ambulanza. Arrivata all'ospedale ha atteso un medico per 5 ore, a quel punto tutto il  dolore era svanito e dopo degli esami completi ai raggi X il medico le ha detto : “Non capisco cosa lei ci faccia qui. Non c'è nulla che non va in lei!”
Da quella notte è libera dai dolori e non riesce realmente a capire cosa le sia capitato... ma ne è molto felice!  Io ringrazio con tutto il mio cuore Dio e Bruno Groening per questa guarigione. 

*Connettersi alla Corrente Guaritrice
 
di Jack Dempsey, 2014
Pubblicato il 10 luglio 2014

E' da 8 anni che assorbo la Corrente Guaritrice, l'energia onnipresente che nutre e potenzia il nostro benessere e Ia nostra salute. A questo punto ritengo di sapere come fare [per connettermi]. E' molto semplice e molto facile. Solo di recente mi sono chiesto come ho potuto “commettere un errore” così grande e così a lungo…
Il mio amico N. mostra sempre una reazione “elettrificante” alla Corrente Guaritrice. Fin dalla prima volta. Sembra una “ricevente” naturale!  Si agita mentre delle sensazioni pulsanti percorrono rapidamente testa, braccia e schiena. A volte il corpo assume posizioni modellate dalla Corrente Guaritrice, sente un immediato formicolio nella parte alta del corpo, lacrime di felicità sgorgano dai suoi occhi. 
Una sua famosa esclamazione era: “Non voglio che si fermi!”, mentre brividi di energia percorrevano la sua pelle. Sì – pensavo - il mio amico N. era molto fortunato ad essere così profondamente ed immancabilmente fatto grazia, ogni volta, di una dose così potente di Corrente Guaritrice. Spesso ho desiderato io stesso essere fatto oggetto di una benedizione così ricca. Ma io mi connettevo con molta minor eccitazione e, in molte occasioni, con risultati indefinibili. Invece di questi vividi “fuochi d'artificio” mi sentivo fortunato se solo provavo una leggera sensazione di tepore nelle mani o nei piedi. 
Nella mia zona, fino ad oggi, ho potuto introdurre alla Corrente Guaritrice – la gratuita energia guaritrice disponibile 24 ore al giorno, ogni giorno, per ognuno di noi ovunque si trovi - ben più di un centinaio di persone. Ho guidato molte sessioni di gruppo e rimango un avido studioso della vita, degli insegnamenti e dei metodi di Bruno Groening. Tuttavia, nel mio corpo ho avuto ben poche sensazioni e prove personali circa l'energia della Corrente Guaritrice, chiamata in Germania “Heilstrom”. Ma ne sono comunque rimasto soddisfatto, in generale... fino a che non ho notato il mio amico in preda a questa orgia di  formicolii…
Stare a schiena dritta seduto su una sedia dura richiede un delicato equilibrio fra rigidità e rilassamento, tanto che per connettermi io ho preferito sdraiarmi. Come consigliato da Bruno, per assorbire la Corrente Guaritrice sfrutto spesso ogni mattina parte del mio tempo a letto. Sdraiato sulla schiena sollevo e piego le ginocchia per allungare la colonna vertebrale. Le mie mani aperte cadono naturalmente ai lati del corpo. In quella posizione mi rilasso profondamente e con beneficio. Negli anni però, sembra mi sia dimenticato di alcune cosette...  

Bruno ha detto: 
“E' corretto che una persona osservi il proprio corpo e per alcuni minuti non pensi ai propri dolori. Anche i suoi pensieri dovrebbero essere calmi e concentrati... e ci si aspetta riceva l'onda di guarigione in uno stato di quiete.”

I miei pensieri, me ne sono poi reso conto, erano tutto tranne che concentrati... infattiero noto per scivolare nel sonno. Strada facendo, mi ero dimenticato di alcuni punti fondamentali del meccanismo. Bruno ha affermato semplicemente che rilassando il proprio corpo e richiedendo la Corrente Guaritrice, il meccanismo di assorbimento partirebbe automaticamente... Di recente mi sono reso conto che né osservavo il mio corpo né mi ricordavo di chiedere aiuto. Come è stato possibile dimenticarsi di istruzioni cosi semplici e basilari? Ho subito ripreso a richiedere la Corrente Guaritrice e mi è sembrato di notare nel mio corpo un flusso maggiore ed una migliore ricezione di energia. La cosa mi ha fatto pensare! Sono venuto a sapere di recente che numerosi miei amici hanno sviluppato vari disturbi (malattie croniche ed acute), e che uno di loro ha chiesto aiuto ad un'altra persona, di connettersi per lei. All'inizio mi sembrava che questa persona volesse che io, o qualcuno, la curasse inviandola una guarigione a distanza; ed ero un po' sconcertato. Mi sembrava equivocasse qualcosa, cioè che avesse sentito parlare del successo delle guarigioni a distanza e, “prego!”, le piacesse semplicemente riceverne una. Mi preoccupai non sapesse di poter ricevere personalmente la Corrente Guaritrice e che avrebbe dovuto - secondo me – farlo lei per avere i migliori risultati. Poi mi sono reso conto che era molto spaventata per una diagnosi fattale di recente e che si aggrappava ad ogni possibilità, ad ogni speranza. Scrissi – e spedii - delle istruzioni sia per lei che per il marito, in modo che entrambi potessero ricevere la Corrente Guaritrice per proprio conto. Naturalmente la inclusi nei miei pensieri e preghiere ogni volta che mi connettevo.
Mi ricordai che in ogni riunione di guarigione è sempre nostra prassi elencare i nomi degli amici che vogliamo aiutare e l'intero gruppo si connette brevemente per ogni persona. Lo facciamo anche nelle riunioni internazionali della “ora della guarigione” che sono organizzate settimanalmente su Internet dagli amici di Bruno. Così recentemente mi ritrovo con una lista di amici in difficoltà - nella quale è presente anche quella signora disperata – ai quali inviare ogni notte la guarigione. Per alcuni anni non avevo fatto una cosa del genere tanto spesso- Assorbivo la Corrente Guaritrice principalmente per me ed il mio benessere. Poi mi sono reso conto che mi ero dimenticato di un'altra cosa ancora: uno dei principi più importanti affermati da Bruno quando era vivo. Egli chiarì con precisione che ogni volta che una persona aiuta od assiste qualcuno in difficoltà, per grazia di Dio viene rimossa anche una parte del proprio fardello!
Bruno dimostrò tale principio in numerose occasioni. Quella che preferisco è quando trasferì il “fardello” del Professor Dr. Homann – un membro della Comunità di Bruno – ad un altro presente, una signora con delle difficoltà fisiche. A scopo dimostrativo, Bruno trasferì i sintomi, come è descritto nel libro di Fredy Hosp: “Le Forze dello Spirito” per poi rimetterli a posto. Come conseguenza sia i sintomi del Professore che quelli della signora risultarono miracolosamente molto diminuiti. Il principio è che chiunque aiuta, porta beneficio a se stesso. Avendo una lista così lunga, ed in crescita, di amici in difficoltà ho iniziato ad impegnarmi a sintonizzarmi per ognuno di loro, ricordandomi brevemente di ognuno di loro ed “inviando” loro un caldo sentimento di benessere, oltre ai miei migliori auguri. Così facendo, ho notato che iniziavo a sentire dei grossi benefici in me. Il mio corpo non solo si sentiva caldo, ma energetico, vibrante e pieno di vita. Molto diverso dalla mia esperienza abituale, tanto da notarlo facilmente. Una differenza così netta che credo di aver compreso qualcosa! Aiutare gli altri invece di essere un compito od un dovere, diventa una gioia. Questa è anche probabilmente la strada più rapida per aiutare se stessi. Allargando la riflessione: quanto migliorerebbe il nostro mondo, la società, le nostre relazioni, se questo splendido principio fosse universalmente noto, insegnato e messo in pratica??
*
Simboli di guarigione -
 Esperienze con le foto di Bruno Gröning
 Articolo di Jack Dempsey, U.K. , 
pubblicato il 16 luglio 2014 

Mentre sono innumerevoli le guarigioni attribuite a luoghi sacri quali Lourdes in Francia – e ad antiche fonti quali quella vicino a Holywell, nel Galles del Nord – ritengo che in pochi abbiano mai peso in considerazione che un quadro od una fotografia possano avere la capacità di portare aiuto o di guarire… Alla mia prima visita alla ‘Fonte Sacra’ nel Galles del Nord, ho visto centinaia di stampelle lasciate vicino alla piscina nella quale fluiscono le acque della fonte. Stampelle lasciate dai pellegrini che, dopo averne visitato le acque guaritrici, non ne avevano più bisogno. Una massa tale da costituire un evidente clamoroso tributo ed una potente testimonianza della potenza delle acque della fonte… Ed ora mi chiedo se qui sulla Terra una fotografia possa mai essere di aiuto a qualcuno... ed ho scoperto che, a volte, sembra che anche le fotografie possano portare aiuto, guarigione, salvezza...
Alle fotografie di Bruno Groening (1906 – 1959) sono state attribuite numerosissime guarigioni. Bruno Groening è vissuto in Germania dove divenne noto in vita come “il Medico dei Miracoli”. [come riportato dalla stampa dell'epoca impropriamente in quanto medico non era; ma un irripetibile guaritore sì, ndt]. 
Le guarigioni dell'epoca sono state verificate in modo indipendente e documentato, prima di confluire in un grande archivio, gestito da medici, veterinari e terapeuti. Io non credo che una fotografia possa concretamente causare una guarigione ma, forse, fornisce la connessione fra chi cerca aiuto e l'energia di questo grande guaritore il quale ha promesso che avrebbe continuato a guarire anche dopo la morte del suo corpo fisico...

Poiché le guarigioni proseguono fino ai giorni nostri, sembra che Bruno mantenga la sua promessa… 

Oggigiorno si verificano spesso guarigioni spontanee quando le persone si predispongono ad assorbire la Corrente Guaritrice – l'energia guaritrice divina – nel modo raccomandato da Bruno Gröning. E' un modo facile per potenziare la nostra vitalità ed il nostro sistema immunitario, stando a casa nostra, usando una tecnica di auto-guarigione semplice, quella che lui ci ha lasciato.   
Si sono avuti casi di guarigioni solo grazie alla vicinanza di immagini di Bruno. Un medico di Berlino – il Dott. S. Grabowski - si è molto interessato al fenomeno ed ha testato le fotografie usando la rabdomanzia ed è rimasto colpito dalla forza superlativa delle immagini di Bruno quali simboli di  guarigione e di aiuto. Esse hanno prodotto risultati ed hanno mostrato una forza che eclissa fin quella delle fonti sacre. Questa una sua osservazione. La lettura degli scritti del Dott. Grabowski relativi ai suoi esperimenti sull'argomento [“Die Schwingungen eines Bruno Groening Bildes" in German, by Dr. Siegfried Grabowsky, Berlin, Raum & Zeit 6/9/94], mi ha affascinato al punto da spingermi a sperimentare io stesso con le fotografie, per vedere quale aiuto o quale assistenza avrei ricevuto.  
Una mattina avevo un forte crampo al polpaccio. Posiziono subito sulla gamba una immagine di Bruno e, come per magia, il muscolo si rilassa istantaneamente. Un'ora dopo si manifesta un altro crampo ed io procedo come in precedenza. Per un 10 secondi non succede nulla, poi il forte dolore scompare di colpo per non tornare più... Grato e felice di questi piccoli successi, inizio a tenere una foto di Bruno vicino a me, in un taschino della camicia... 

Plastificare
Recentemente ho acquistato una macchina plastificatrice che ho usato su alcune foto. Mi sono reso conto che queste foto plastificate possono essere utilizzate in un modo molto semplice per aiutare le persone in difficoltà: la pellicola trasparente che plastifica è impermeabile anche all'inchiostro... mi sono così reso conto che vi potevo scrivere sopra il nome di ogni persona in difficoltà creando una ‘Brunografia’, (il nome è una mia invenzione) per chiedere rispettosamente aiuto per i loro bisogni. I pennarelli indelebili con la punta di feltro sono l'ideale. Quando la persona è stata aiutata, o la procedura sembra completa, usando un panno inumidito con l'alcool, si può facilmente cancellare il nome e la pellicola ritorna pulita come nuova. Anche un prodotto per rimuovere lo smalto dalle unghie va bene per rimuovere l'inchiostro. Per ottenere una forza ancora superiore, ho incollato insieme due immagini di Bruno, retro su retro. Per poi plastificarle e renderle impermeabili e resistenti ai graffi. Quest'idea mi è molto piaciuta ed ho iniziato a portare con me una di queste doppie foto, grazie alla quali porto continuamente con me l'energia guaritrice di queste ‘Brunografie’.
Ho anche testato queste foto seguendo la procedura del Dott. Grabowsky, dandone una ad una sensitiva perchè mi riferisse le sue impressioni, senza ovviamente dare alcuna informazione sulla fotografia. Concretamente il test si è svolto al buio, in modo che l'immagine non fosse nemmeno vista. La sensitiva si è messa subito a gridare allarmata: “E' rovente! Ma dove l'ha tenuta?” … poi, dopo un paio di minuti: “‘ Mmmm.. sta vibrando!!’ Poi si è calmata profondamente ed è rimasta parecchio tempo semplicemente tenendo con riguardo l'immagine in mano, per poi dire “E' molto bella... non intendo restituirgliela!” Che doppia gioia! Ero contento sia di lasciarle tenere la foto sia che lei l'avesse gradita così tanto.

Ho così dato molte foto plastificate agli amici per aiutarli nei loro progetti e coi loro problemi. Un aiuto concreto arriva spesso, così come vengono alleviati mali fisici soprattutto se chiediamo sinceramente l'aiuto. Per quanto possa suonare strano, sono noti casi in cui grazie alle foto: tappeti infetti sono stati sanificati, bilanci rimessi in pari, contratti siglati, e piante, alberi, animali domestici e persone guarite, alleviate, assistite secondo i propri bisogni... tutto per mezzo delle magiche foto di Bruno…
L'altro giorno un mio amico mi ha raccontato di come il suo piede dolorante stesse molto meglio dopo un “trattamento” notturno usando una foto e, cosa più importante, come è significativamente migliorato il suo trattamento sul lavoro da quando porta le sue immagini-simbolo, prega brevemente, e chiede un trattamento giusto ed onesto sul posto di lavoro. L'insonnia di un'altra amica è cessata la prima notte che ha messo una foto di Bruno sotto il suo cuscino. Un'altra, che soffriva da anni di incubi notturni, ha ottenuto di dormire in pace dopo aver posizionato numerose foto di Bruno sotto al materasso. 
Ormai ritengo che questo aiuto fotografico, che proviene dall'energia guaritrice di Bruno Groening, sia un gigantesco passo avanti superiore alla penicillina, data la sua utilità, la capacità di aiutare e l'assenza di conseguenze negative... E' una semplice e gratuita benedizione che tutta l'umanità dovrebbe conoscere e della quale beneficiare! Io ho semplicemente usato del materiale moderno per distribuire parte dell'aiuto fornito da questo santo benefattore, Bruno, il quale ci ha lasciato queste “reliquie” fotografiche che sembrano essere così piene di forza ed energia… 

Mi sono poi chiesto cos'altro potessi inventare, in quali altri modi far fruttare la sua straordinaria gentilezza... Qualcosa mi ha portato a pensare ai portafoto digitali... ne avevo ricevuto uno in regalo... questi portafoto mostrano le foto digitali in sequenza, ad intervalli che si possono modificare, come vari altri parametri... Ho pensato di caricare un certo numero di immagini digitali di Bruno e di farle girare. Cosa sarebbe successo? Così carico alcune foto e le faccio girare per tutta la notte. Ci dicono che la miglior qualità di riposo si ha in una stanza buia; tuttavia decido di tenere acceso il portafoto digitale a fianco del mio letto, come fosse una lampada per la notte, con le immagini che girano nelle ore del sonno. Il mio viso è ripetutamente “bagnato” dalle immagini di Bruno che arrivano dallo schermo retroilluminato a LED, centinaia di immagini “guaritrici” diverse che si succedono delicatamente nella luce soffusa della mia camera da letto come ombre di nuvole su prati e colline... la mattina mi sento bene e riposato. 
Mi chiedo se possa essere di aiuto a qualcuno con problemi di salute. Potrebbe essere di aiuto ad un bambino, ad un animale domestico... osservando la sequenza di immagini mi rendo conto che potrei facilmente “incollare” [in modo digitale sulle immagini di Bruno] la fotografia di qualunque persona in modo che sia la foto di questa persona a ricevere ripetutamente lo stimolo... Penso anche che un tale tipo di portafoto digitale potrebbe essere utile anche di giorno, vicino ad un invalido, sia che stia a letto o seduto. 
Credo ci siano molte altre scoperte che attendono di essere fatte, altri metodi per mostrare e proiettare le immagini guaritrici. Quella che mi sembra appropriata è la devozione, un approccio rispettoso all'uso di queste fantastiche fotografie guaritrici. Noi chiediamo aiuto, non pretendiamo nulla. Bruno ce lo ricorda e noi non dovremmo essere rigidi o dogmatici sul come possa arrivare l'aiuto o la guarigione, ma dobbiamo essere grati all'UNO, il quale - è sempre Bruno a ricordarcelo - è la fonte di ogni guarigione
“Nessun essere umano è in grado di fare le cose che vedete qui... solo Dio è in grado di farle.”
In precedenza avevo iniziato un altro piccolo progetto con le foto, mirante ad aiutare alcuni amici lontani in serie difficoltà, cercando di farlo in un modo differente e più semplice... Ho iniziato a mettere delle foto stampate di Bruno in un album fotografico tradizionale, su ogni pagina del quale si possono mettere 3 foto, dimensione cartolina, in orizzontale. Ho poi iniziato ad inserire nell'album delle foto di amici in difficoltà… dietro ad ogni “paziente” ho messo un'immagine di Bruno, ed ho iniziato a pensare al tutto come al mio piccolo “ospedale”. Ho fatto in modo che ogni paziente guardi direttamente una potente immagine di Bruno. In questo modo ogni ‘paziente’ è in mezzo a due immagini buone, di guarigione, entrambi che lo collegano al guaritore e che emettono potenti energie. Quando l'album è chiuso, le 3 immagini sono pressate una sull'altra come in un panino. Tutto l'album contiene delle potenti immagini ed è ‘imbevuto’ delle mie preghiere di aiuto e guarigione e, – così mi piace pensare – è diventato esso stesso un piccolo tempio di energia guaritrice. 
L'immagine di Bruno emette - come accertato dal Dott. Grabowski – onde di guarigione di differenti lunghezze d'onda. E' stato anche in grado di dimostrare che alcune di tali energie sono già frequenze ben note ed individuate. Nel mio ’ospedale’ una fotografia del paziente – un collegamento diretto e potente alla persona vivente – è messa in contatto con l'energia guaritrice divina che la maggior parte delle foto di Bruno emette. Ancora non so se tale trattamento abbia o meno aiutato concretamente qualcuno dei miei pazienti – è un esperimento sempre ‘in corso’ - ma almeno so che non sono stati danneggiati in alcun modo da questa azione di guarigione. 
Una nota sulle immagini fotografiche… Sembra che una fotografia “catturi” lo stato d'animo presente nel soggetto nel momento nel quale viene scattata la foto. E' per questo motivo che utilizzo foto di Bruno scattate all'apice della sua potenza guaritrice… Evito foto che lo ritraggono nel periodo nel quale era disturbato dalla polizia o dagli avvocati o dai processi... Tutti inconvenienti che non sono stati altro che aspetti tristi nella vita di un sant'uomo che ha dato a tutti aiuto e guarigione gratuiti e senza sosta e ad un numero infinito di persone afflitte, per ricevere, in cambio della sua gentilezza, offese, persecuzioni e proibizioni. 
Mi assicuro anche che le immagini non finiscano vicino a del denaro. Ricordo i suoi commenti sul fatto che il denaro e le sue vicinanze emettono energie negative.  

Il rigonfiamento della gola di Bruno faceva pensare ad una condizione simile alla “gotta”. Quando era preso nelle grandi guarigioni, il collo si gonfiava e diventava rosso, e lui diceva sempre di stare bene, anzi che si sentiva più carico di energia quando il collo era “allargato”. Le ghiandole del collo allargato sono un adattamento speciale, una caratteristica ben nota di alcuni guaritori che hanno avuto il dono di immense energie, un fatto compreso da alcune popolazioni del pianeta. La voce, mentre parlava, attraversava tali ghiandole ingrandite e realizzava la guarigione fra gli ascoltatori... da qui i titoli dei giornali che lo indicavano come l'uomo con la “voce che cancella le malattie.” Bruno disse:  

“L'energia divina e l'aiuto di Dio sono sempre disponibili per chiunque abbia fiducia e fede”  “Fidatevi ed abbiate fede. L'energia divina aiuta e guarisce.”

Bruno disse anche che mentre ogni malattia è curabile, non tutte le persone possono essere aiutate… per varie ragioni. Per trarre i maggiori benefici dalla guarigione “divina”, dobbiamo essere recettivi, ottimisti, grati e liberi da malizia... Sono condizioni che a volte non vengono soddisfatte... allora rimangono presenti dei blocchi, ma questi possono essere rimossi cambiando consciamente il proprio modo di pensare, o le nostre abitudini od il nostro sentire. Il concetto che le malattie siano casuali non è di aiuto. Che siano mandate da Dio - quale punizione - è errato.  Può capitare ci sia la volontà di non lasciar andare una malattia. Ma è essenziale il mollarla, il non darle ulteriore attenzione, il lasciarla, il non trattenerla, non sentire di “possedere” la malattia. E' anche di grande aiuto l'apprendere la metodica per assorbire l'energia con una “introduzione” corretta, in modo che noi poi ci si possa “sintonizzare” con l'energia guaritrice ogni giorno, ed anche da soli. 
Bruno ha detto che:
“L'energia divina è sempre attorno a noi... Tutto quello che occorre sapere è come “sintonizzarsi” con essa. Allora voi assorbirete per conto vostro l'energia buona ogni volta che ne avrete bisogno.”  La malattia non appartiene agli esseri umani e dovrebbe essere rifiutata.”

E' stato anche molto chiaro sulla causa della maggioranza delle malattie, che sono dovute ad alcuni tipi di energie che era sempre impegnato a rimuovere e respingere.
Se parli o pensi all'artrite che hai come alla “mia” artrite, ecco che diventa come un ospite gradito, o come minimo accettato. Rimarrà con noi a tempo indefinito. Bruno si offre di portare via le malattie, ma solo se glielo chiediamo; diversamente non può portarcele via. Egli afferma esplicitamente di non potere “rubarle”, essendo la cosa disonesta ed anti-etica... ma se noi glielo chiediamo, allora possiamo essere aiutati e guariti. 
Sembra che questi simboli, le fotografie, operino meglio insieme ai desideri di un essere umano consapevole. Dunque il nostro “chiedere” potrebbe essere una componente necessaria per l'interazione con il flusso di energia guaritrice che emana dalle fotografie di Bruno. So di persone  che hanno chiesto ripetutamente aiuto ed assistenza, ottenendoli, ma tanta ripetizione potrebbe non essere necessaria… io preferisco chiedere aiuto, per le persone che soffrono, solo una o due volte per ognuna e poi ripetere la richiesta solo occasionalmente.
Le energie di Bruno sono praticamente incomprensibili per noi, ma sono sempre benigne e [Bruno] vuole sempre aiutare la gente. La nostra umana esistenza è splendidamente arricchita dal luminoso esempio della santità della sua vita, e le eccezionali fotografie che consapevolmente ci ha dato perché potessimo usarle, sono ricettacoli di una inesauribile energia guaritrice divina.   
‘Sono ovunque e sempre... Con questo non intendo dire di essere Dio...questo no, ma solo un piccolo aiutante’ 



*Aiuto e guarigione dopo ostruzione intestinale e peritonite 
22 gennaio 2014, Montreal, Canada,  
M-F. V. Pubblicato il 19 marzo 2014

Mi è stato ripetutamente detto che il mio intestino fosse troppo lungo e che dovevo stare attenta alla dieta, a non costiparmi per evitare crampi. Solitamente tali crampi si manifestavano quando ero particolarmente stressata sia per timori che per disaccordi inespressi. Sapevo che una mia debolezza era tenermi dentro il disaccordo. 

Nell'ottobre del 2013 andai in Spagna per un ritiro spirituale “con” Bruno Groening. Mentre mi trovavo lì, mi comparve una grave costipazione con dei dolori insopportabili... paragonabili alle contrazioni prima del parto! Non prestai troppa attenzione ai dolori considerandoli la comparsa di forti regolazioni (“Regelungen”). Attesi in quello stato per 5 giorni, pregando Dio e chiedendo [aiuto] a Bruno. Anche il gruppo pregava per me ed io tenni duro. Sull'aereo – al ritorno – respiravo a fatica e pensai che avrei avuto un infarto. Mi misi a pregare Bruno, anche Gisèle lo fece... e Bruno fu con noi. All'arrivo a Montreal mi portarono al Pronto Soccorso e fui operata lo stesso giorno. 
Sono una ribelle e per anni sono stata critica nei confronti della medicina tradizionale. Al pronto soccorso i timori cessarono e mi sentii al sicuro. Decisi quindi di riporre tutta la fiducia nei medici dell'ospedale e di non preoccuparmi più. Quasi a confortami nella decisione presa, avvertii la sua forte presenza e lo vidi vicino alla mia barella, vestito con una giacca marrone. Appena prima dell'intervento, la mia  amica Cristina infila nei miei calzini una foto di Bruno. Grazie Cristina! Sotto anestesia, per tutta l'operazione, assisto ad uno spettacolo magnifico: un panorama a 180°di un cielo dorato, una terra dorata piena di fiori dorati. Da restare senza fiato! Ero in uno stato di grazia divina, serenità ed estasi! Sono pervasa da un sentimento di totale felicità, mi sento come un bambino che scopre un giocattolo nuovo. La bellezza infinita è davanti ai miei occhi!  
Dopo l'intervento, il mio recupero non procede come previsto: il pulire l'infezione intestinale nell'addome aveva portato a delle debilitanti complicazioni, ed il loro sommarsi mi aveva portato a dubitare profondamente. Forse Bruno mi aveva abbandonata? Quale lo scopo di tutto ciò? Ad un certo punto ero così scoraggiata da pensare di chiudere completamente con “la spiritualità”. Ma, mi dissi, cosa avrò mai da perdere? Dopo molte riflessioni, conclusi si trattasse di una prova e così continuai a pregare, meditare, ascoltare musica ispirata ed a tenere sempre in mano una foto di Bruno. Mi sentivo appoggiata da numerose comunità, dagli amici e dalla famiglia e tenni duro! Mi aggrappai a Bruno come fosse la mia scala mentre scivolavo in un vuoto senza fondo. La sensazione di avere un aiuto sicuro cresceva. Nonostante le mie difficoltà, avevo a che fare con persone splendide: le infermiere, i tecnici, il personale sanitario tutto, i medici e gli stessi pazienti nella mia stanza. Fu allora che mi resi conto che Bruno mi stava aiutando ancora.
Tornai a pensare che sarei guarita più velocemente di chiunque... ma non fu così! Dopo l'operazione non respiravo troppo bene. Trovarono un ascesso sotto il diaframma e dovettero inserire un drenaggio. Per facilitare la respirazione dovettero estrarre 1 litro e mezzo di acqua dal polmone sinistro. Rimossero il drenaggio e mi dimisero. L'antibiotico per bocca non funzionò e l'ascesso crebbe nuovamente. 10 giorni dopo ero nuovamente in ospedale per un secondo drenaggio! L'universo mi metteva alla prova! Durante le vacanze di Natale mi dimisero con un drenaggio, la cicatrice dell'operazione mezzo guarita ed un super antibiotico da assumere 3 volte al giorno! A me... che non avevo mai creduto nei farmaci! Il 22 gennaio 2014, finalmente la guarigione. 

*Guarigione in un'area imprevista delle relazioni umane
Mio marito è cambiato completamente: in tutta la sua vita era stato malato di lavoro, ora è molto presente, partecipa attivamente al cucinare, pulisce, si prende cura ed è molto più presente nella relazione con me. Da quando abbiamo venduto la nostra casa in Francia la mia relazione con mia sorella era piuttosto tesa ed erano 10 anni che non avevamo voglia di parlarci nemmeno per telefono. Lei mi ha chiamato di sua iniziativa in ospedale ed il nostro rapporto si è risanato. Penso avesse timore di perdermi. Un'amica intima – che dopo la morte del marito, negli ultimi 5 anni non mi aveva mai parlato - è tornata a recuperare la nostra amicizia. Un buon amico, ed anche una ”guida” che ci ha introdotto agli Insegnamenti di Bruno, è tornato a vedermi mentre ero in ospedale dopo che la nostra amicizia era diventata tesa per una differenza di opinioni. 

Cosa ho imparato da questa esperienza 
Anche se prima avevo dei dubbi, ora sono certa si sia trattato di “Regelungen” (Regolazioni). Negli ultimi 10 anni ho avuto problemi di costipazione intestinale - per cause meccaniche – nell'intestino crasso che per quasi metà della sua lunghezza non era attaccato alla parete addominale. Non ne sapevo nulla! L'operazione chirurgica ha risolto il problema meccanico una volta per tutte. Bruno mi ha tenuto per mano e mi ha condotto allo soluzione chirurgica, alla quale mi sarei altrimenti opposta, ne sono certa! Ora sono consapevole che nel dubbio si deve consultare un medico. L'aiuto incondizionato di Bruno è sempre presente a sostegno. Ora mi prendo cura delle mie emozioni e non me le tengo dentro, le esprimo quando è ora e rimango con uno stato d'animo positivo. 

Conclusioni 
Nel corso di questa esperienza mi sono resa conto di essere circondata dall'amore e dalle preghiere della mia famiglia, dei miei amici stretti e delle anime gentili di vari gruppi di meditazione del Canada e dell'estero. Ognuno di voi, con le preghiere ed il suo amore, mi ha portato a superare questa prova. Grazie a Bruno per essersi preso cura di me, per avermi condotto all'intervento chirurgico, per avermi riportato alla vita. Ho imparato a lasciare andare il mio controllo! Ho fiducia in questa vita e nelle mie guide: Bruno e Dio!


* Una email da amici... il nome non conta! 
Pubblicato il 19 settembre 2013
Buon pomeriggio, Petra,

Ti siamo così grati per questa pagina web dalla quale mio marito e “Dove” hanno ricevuto la guarigione. "Dove" era un uccello che fin dalla nascita non riusciva a camminare. Mentre ero seduta in Einstellen e lo tenevo in braccio ascoltando la voce di Bruno, è stato guarito ed ha iniziato a camminare. 
Guarito in 1 giorno: ha iniziato a camminare il giorno successivo... Sono passati due anni dalla guarigione di mio marito ed 1 anno da quella di Dove. Potete capire quanto io e mio marito si sia grati per quello che state facendo. 


*
Sulla strada della guarigione
-
 Resoconto di una esperienza Steve K., USA 
Pubblicato il 29 agosto 2013

Dal primo “incontro” con Bruno Gröning al 9 settembre 2012, giorno della mia “Introduzione”, ho sempre dormito con il libro: "Vi do un po' di saggezza della vita", 3° volume. Ed ho notato che i miei sogni erano molto specifici: molto chiari e vividi, relativi alla mia vita ed ai  “demoni” che mi visitano di frequente. 

Alcune delle emozioni ruotavano attorno alla paura: paura del mondo medico e dei suoi sistemi quando si ha a che fare con assicurazioni e parcelle da pagare etc., o all'autorità che si contrappone alla gente. Già mesi prima Bruno era presente nella mia vita grazie a YouTube. Facevo Einstellen quotidianamente, due volte al giorno, ed ascoltavo anche il CD introduttivo che mi era stato dato. 
Ogni qualvolta mi arrivava un pensiero di dolore, difficoltà o di disagio, mi mettevo a chiacchierare con Bruno del fatto che mi portasse via quei pesi che avevo portato così a lungo. A volte avvertivo come il senso di una risposta che mi tornava indietro, il senso di essere avvolto in un morbida e tiepida coperta, di essere sollevato. Una settimana dopo la mia introduzione, partecipai alla mia seconda riunione di comunità e mi fu data l'edizione speciale del 2012 con le documentazioni dei successi. Da allora non faccio che leggerla. Oggi ho terminato la lettura di tutti quei resoconti e mi sono reso conto di una cosa, di molte cose. Ma, cosa più importante, in questa nuova consapevolezza c'è un senso tangibile e più profondo di cosa sia bene e cosa sia male. Fino ad ora avevo passato la mia vita servendo, con la consapevolezza della frase biblica "vai via Satana" [ed ora] mi veniva rivelata una nuova esperienza e nuovi e più potenti modi per scegliere il bene rispetto al male.
Cosa è il male? Quanto subdolo è il male? E' più invasivo di quanto pensassi?  Grazie Bruno Groening. Nel leggere le documentazioni o nell'ascoltare il CD sapevo che era stata data la Heilstrom, ma fino a quando non ho finito il resoconto dell'incidente d'auto in Italia con una macchina che colpisce all'anca un golden retriever, non mi sono reso conto di quanto stessi ricevendo. Ho pianto nel sentirne la bellezza. Il sentimento di Dio che ci protegge ed il Suo desiderio di guarirci dai nostri mali
Una delle cose delle quali mi sono reso
conto era l'aver letto delle storie, una via l'altra, sulle difficili condizioni nelle quali vivono così tante persone. A volte le confrontavo con le mie, a volte cercavo risposte che giravo a Bruno, a volte ero consapevole che quelle persone erano a disagio, ma quello di cui ero consapevole più di tutto era un sentimento di amore, dal cuore, per la condizione umana. 
Il disagio si trasformava in grazia e la consapevolezza dell'Heilstrom in un senso di unione che provavo in ogni storia: tutte le persone diventavano una, all'esterno quello che appariva era semplicemente che stando a quello che vediamo e percepiamo dalla nostra prospettiva, bene e male influenzano tutti allo stesso modo e solo la scelta è personale: il libero arbitrio è il nostro strumento per costruire o distruggere. L'accettazione di Bruno di tutta la gente e di ogni condizione di salute è qualcosa che da guaritore energetico addestrato apprezzo moltissimo. 
L'accettazione incondizionata di qualsiasi condizione di salute che ho visto da parte di Bruno Groening [l'ho vista] solo in Gesù ed anche se ci sono altri che hanno camminato fra gli uomini, è Gesù l'uomo che ho studiato e che per questo conosco di più. Grazie a tutti gli altri maestri che hanno portato Dio e la guarigione. 
Non riesco a girare i polsi verso l'esterno, è così da che mi ricordi. Ma è qualcosa che devi fare durante l'Einstellen. Se provo mi fa male. Il mio chiropratico dice che i muscoli del mio braccio sono tesi e bloccano questo tipo di movimento. Altri mi hanno detto che controllo me stesso. Cosa mi sta dicendo il corpo? Non ho idea di quando i miei polsi potranno ruotare e si apriranno, so solo che sono consapevole che qualcosa nel mio corpo mi invita ad aprirmi, qualcosa che è tenuto stretto. Quando ho letto del golden retriever ho pianto e provato una profonda tristezza e nelle ore successive ero consapevole di una profonda sensazione di insicurezza. Da dove provenisse esattamente non lo so. Ho la mia storia, ma non conta. La sensazione è peggiorata e mi sono sentito perso dentro di essa, tutto quello che ho fatto è stato guardare negli occhi di Bruno e respirare.
Ho cercato di fare nuovamente Einstellen e pensavo alle Emotional Regelungen (Regolazioni Emozionali), che ora chiamo con la sigla ER [che in inglese è la sigla del Pronto Soccorso, ndt]. Poi ho riso al nome del programma [ER, serie televisiva ambientata in un Pronto Soccorso USA, ndt].  Poi ho sentito come aghi nel corpo e dolore, la consapevolezza del male che era nel mio corpo,  e delle attuali limitazioni ed anche di una certa nuova capacità di movimento, benché rigido e non pieno ed agevole come una volta, un nuovo movimento. Le ER vengono e vanno, alcune volte durano poche ore al massimo poi cambiano in una sensazione diversa. Scopro che bene e male non sono solo concetti ma sensazioni “sottili” nel corpo. Le ascolto e le sento, conosco la loro sensazione, sono in grado di affidare il male a Bruno e di abbracciare il bene, questo quello che dico a me stesso. Un senso di rigidità o una grazia di pienezza, disgusto od una gioia, un dono od un fardello.
"Il mio corpo non può guarire fino a che non metto il male nella giusta prospettiva e non diventa il bene." Mia citazione. 
Mi chiedo se in futuro avrò mai una regolazione fisica (Physical Regelungen, PR), ma al momento non mi interessa. Sento la Heilstrom come fossi una spugna che risucchia energia. A volte devo smettere di leggere perché sento che non posso incamerare di più, altre volte sono assetato e non ne ho mai abbastanza. E' già abbastanza sapere che la ER sta lavorando per me. Io con i miei 58 anni di saggezza, non so nulla in me e di me e... grazie a Bruno per la sua bontà ed il suo amore. 

*
Resoconto di una guarigione, 
Andreas R., Germania Pubblicato il 23 novembre 2012 - 
Petra Ruether (Amm.trice)

Andreas R., mio cognato di 49 anni, ha subito un infarto nel settembre 2012. Una mattina la sua supervisore trova Andreas – vittima della talidomide, le braccia molto corte, le gambe normali – in uno stato di completa desolazione, disorientato e steso a terra. Lei chiama immediatamente un'ambulanza che lo porta in ospedale dove, causa la disabilità, non possono fare nulla per lui e lo fanno portare in elicottero in una clinica specializzata a Lippstadt. Andreas non parla, non si muove ed ha un aspetto che fa dire ai medici che molto probabilmente non lo rivedremo più com'eravamo abituati a vederlo. Un'area del cervello vasta 3 centimetri per 3 risente di un coagulo... c'è da aspettarsi il peggio. Il nostro gruppo di meditazione lancia telefonicamente una richiesta di aiuto e tutti si dispongono ad aiutare, pregando intensamente Dio per Andreas e chiedendo a Bruno Gröning una mediazione per la notte.

Visitiamo Andreas a Lippstadt 5 giorni più tardi: cammina senza difficoltà, fin corre. Parla nuovamente anche se a volte non gli arrivano subito le parole e deve cercarle; ma questo scomparirà nell'arco di poche settimane. Ha recuperato pienamente ed i medici sono spiazzati. Andreas ci racconta che la notte dopo l'ictus – mentre pregavamo per lui – gli è tornata la sensibilità nelle gambe e la sua testa è ritornata normale. Una cosa inspiegabile da un punto di vista medico. Oggi i suoi movimenti, il suo parlare ed il suo capire sono tornati alla normalità.
Andreas non sapeva nulla di Bruno Gröning, né dei suoi insegnamenti e non ha mai avuto molto interesse per le cose spirituali, ma ha sempre aiutato gli altri. Ringraziamo Dio dal più profondo dei nostri cuori e Bruno Gröning per l'aiuto. GRAZIE!

* Guarigione grazie ad un foto di Bruno Gröning 
Pubblicato il 7 maggio 2012
Chi Chen Y, (Resoconto inviato per email da Taiwan)


1° caso: guarigione dell'orecchio di mio figlio

Alla fine di marzo, mio figlio di 6 anni, Eric, manifesta una fistola periauricolare all'orecchio destro, dall'evidente gonfiore.  
Prima di tutto lo porto dal medico che prescrive un antibiotico e mi dice che se non guarisce sarà necessario un piccolo intervento chirurgico. Dopo due settimane il gonfiore si è ridotto solo di poco. Sospendo i farmaci. Dall'inizio del disturbo avevo messo delle piccole immagini di Bruno: una sulla parte malata ed una sul cuscino. 
Petra, i suoi amici ed io preghiamo per mio figlio (gli passiamo l'energia). Per dirvi tutta la verità, in quel periodo mi sentivo spesso a disagio ma vedevo le foto di Bruno e chiedevo a me stesso di ritornare positivo. La tumefazione cresceva ed una notte di aprile mio figlio salta su nel letto: di colpo esce molto pus dall'area infetta.... e la cosa si ripeterà più volte nei giorni successivi.

Il 3 di maggio porto mio figlio dal medico; l'orecchio è guarito!
Cari amici, l'energia della foto è reale e la meditazione è anch'essa molto importante. Quando vi sentite senza speranza per un qualche problema, avete realmente bisogno di aiuto e non c'è nessuno, guardate una foto e chiedete aiuto a Bruno. Scrivo questo resoconto perché io sono stato veramente aiutato in questo modo. Non ho consigli da dare perché tutto dipende da voi, dalla vostra volontà, ma se dedicate del tempo alla comprensione del metodo per l'assorbimento dell'energia divina, potete aprire il cuore e cercare di farlo. La foto renderà la meditazione più forte e stabile. Grazie Bruno. Grazie Dio. 

2° caso: guarigione ai polmoni. Mio suocero.
A marzo mio suocero ha un problema ai polmoni e va in ospedale dove resta 4 giorni. Un paio di settimane fa gli do la foto di Bruno ed alcune informazioni su di lui, dicendogli di metterla nel cuscino o di tenerla con sé. Sabato scorso ha la febbre e nuovamente dei problemi ai polmoni. Si torna in ospedale dove prima di tutto gli fanno una radiografia. Il medico che la esamina mi dice che mio suocero non è peggiorato, perciò dopo due ore gli somministrano delle medicine e lo rimandano a casa. Domenica scorsa si è perfettamente ripreso. Gli chiedo se ha sempre usato la foto. Lui mi dice di “sì”. 
E' stata una vera magia, per questo gli dico di continuare ad usarla, condivido l'accaduto con voi e dico grazie a Bruno, grazie a Dio. 

3° caso: guarigione da attacchi di asma. Mia figlia
Lo scorso anno mia figlia di 3 anni prende un raffreddore. In casi del genere io e mia moglie dobbiamo prenderci molto cura di lei perché poi arrivano gli attacchi di asma ed allora dobbiamo portarla dal medico che le somministra degli steroidi. Quando ho saputo che le fotografie avevano energia, ne ho subito messa una sul petto, o dietro, quando la piccola si addormentava. Da allora, come per magia, non prende più raffreddori.  Quando a volte tossisce e sembra andarci vicino,  metto una foto su di lei ed il giorno dopo va tutto bene, nessuna tosse... dunque non è un effetto solo psicologico... nella mia famiglia è una realtà.
Quando vorrete veramente ricorrere alle foto, tenete a mente queste cose: 

    Amore e buona fortuna.


    *Guarigione dal “dolore per la morte del figlio” e da “tendini rotti alle spalle” 
    Pubblicato il 24 ottobre 2010 
    Nouria S., N.S.W., 
    63 anni; luglio 2010, Australia


    Ad agosto 2004 mio figlio perde la vita di colpo in un incidente di macchina. Ed io non riesco ad accettare la sua perdita. Sono consumata dal dolore e la cosa non migliora col passare del tempo. Ci sono volte che penso sarebbe stato meglio fossi morta anche io e cado in depressione. Una volta arrivo fino a pensare al suicidio. La mia fede in Dio, che ho sempre avuto, questa volta non mi è di alcun aiuto e niente di quello che faccio o che mi capita nei 5 anni successivi riesce a cancellare il dolore.
    Lo stesso anno della morte di mio figlio cado e mi strappo un tendine della spalla destra e 3 anni dopo, nel 2007, mi strappo i tendini della spalla sinistra. Mi ritrovo coi movimenti limitati e con dolori che mi assalgono dopo ogni tipo di movimento o di sollevamento delle braccia. 

    Nel 2009, un amico mi convince e partecipo ad una introduzione degli Insegnamenti di Bruno Groening. Mi siedo con il mio amico in prima fila e subito come fisso gli occhi su di una immagine di Bruno Groening avverto una strana sensazione di tepore, una sensazione che si intensifica al passare del tempo. Mi ritrovo convinta che qualcosa stia avvenendo nel mio corpo e chiedo a Bruno Groening di liberarmi dal dolore per la morte di mio figlio. Dopodiché inizio a sudare intensamente fino a ritrovarmi zuppa dalla testa ai piedi. 
    Quella notte, prima di andare a letto, bacio come al solito la foto di mio figlio e per la prima volta in 5 anni guardando il suo adorato volto non sento il profondo dolore al cuore, mi sento felice e libera dal peso anche se non riesco a capire. Da quel momento sono ritornata in grado di provare gioia per la vita. 
    Nell'ottobre 2009 , mentre faccio “einstellen”, provo un profondo dolore alla spalla sinistra e nella seduta successiva – e da allora - recupero il movimento di quella spalla ed il dolore sparisce. A dicembre dello stesso anno viene guarita anche la spalla destra.  Non avevo chiesto le guarigioni fisiche eppure mi sono state ugualmente donate. Ringrazio Dio per queste benedizioni e per Suo figlio Bruno Groening che ha fatto da mediatore per me. Bruno mi ha salvato la vita ed è il mio amico per sempre. GRAZIE MIO AMATO DIO! 
                                                                             Petra R. 2015
    *Guarigione da dipendenza da eroina ed Epatite A, B, C.  
    Petra Ruether., Admin.

    Avevo 15 anni quando ho iniziato a fumare hashish e marijuana. Ho poi provato di tutto, tutto quello disponibile: pillole, acido e, dopo circa 1 anno, ho iniziato a farmi di eroina. In poco tempo tutta la mia vita ruotava attorno al farmi. Nel 1976 sono finita in ospedale per 3 mesi, con un ittero (epatite B da siero), un senso di pressione nello stomaco ed una stanchezza continua. Dopo poco tempo dalle dimissioni ho iniziato nuovamente a farmi di eroina. Alla volta del 1977 pesavo solo 48 chili e presi la decisione di smettere. Inizio 2 volte una lunga disintossicazione e per 2 volte la interrompo prima che sia completata. Nel 1979 ho una ricaduta e nel 1983 passo ad hashish e Captagon – un forte stimolante – prendendo eroina solo quando ho molti soldi. Non reggo la vita senza droghe, ho ripetute depressioni. Sono sempre senza soldi e la vita è senza gioia e sembra senza speranza... 

    Petra R. 1983

    Entro a far parte di un Circolo degli Amici di Bruno Gröning nell'ottobre del 1985. Due mesi dopo, ascoltando un nastro con la voce originale di Bruno Gröning, sperimento in modo molto intenso l'energia guaritrice. Il giorno dopo inizia - spontaneamente – una profonda pulizia generale con: vomito, diarrea, arti doloranti, senso di pressione al fegato, stanchezza e depressione. 3 giorni dopo sto meglio e sono piena di gioia di vivere. Da allora non mi sono mai più fatta di eroina né ho mai più preso il Captagon od altre pastiglie. Tutti i miei dolori e difficoltà sono scomparse. Nel 1987 viene accertato che tutti i miei valori epatici sono nella norma. Non ho mai più toccato droga. Ho completato un addestramento professionale per Management Assistant in Office Communication ed ho rgolarmente lavorato in Germania, presso un ufficio pubblico, fino al 2008.

    Un grande GRAZIE a Bruno Gröning ed anche alla mia adorata insegnante la Sig.ra Grete Häusler, che si è presa cura di me nel momento dei dubbi e che, grazie alla sua forte fede, non ha mai perso la speranza nella riuscita. Possa il presente mio ricordo onorare questa gran Donna.


    * Guarigione da dolori alla schiena 
    Peter R., GERMANIA
    Nel 1991 ad Amburgo, Germania,
     entro in contatto con gli insegnamenti di Bruno Gröning. 

    Durante la Sessione Introduttiva mi vengono spiegate le tecniche per assorbire l'Energia Divina, che Bruno Gröning chiama “Corrente Guaritrice”. All'epoca frequentavo l'apprendistato in Naturopatia ed ero interessato anche ad altri metodi di guarigione spirituale. 
    All'inizio mi chiesi se fosse qualcosa adatta a me... perché la trovai troppo “semplice”. Inoltre non provai nulla. Ma l'atmosfera era piena di pace e rilassante e così rimasi fino a che l'introduzione non fu terminata. Un'ora dopo iniziò la vera Sessione di Guarigione e la stanza era piena di una cinquantina di persone. Mi misi dietro nell'ultima fila. 

    La sessione iniziò con un bel brano di musica classica, una musica che sfortunatamente non faceva parte delle mie favorite... all'epoca ero un fan della musica rock... e soffrivo di dolori alla schiena. Come inizio ad ascoltare la musica sento anche un fluire, attraverso il corpo, come di corrente elettrica. Molto rilassante e rinfrescante, ma allo stesso tempo mi caricava come se dovessi fare una corsa. 

    Improvvisamente avvertii come una coltellata alla schiena, come se qualcuno mi rigirasse nella spina dorsale un oggetto di metallo affilato proprio vicino a dove mi capitava di sentire i dolori. Era così forte e dolorosa, che ad ogni “coltellata” sobbalzavo sulla sedia. Contemporaneamente, ad ondate, fluiva attraverso il mio corpo una gran quantità di energia: questa era veramente un'esperienza fenomenale ed ero entusiasta!  Dopo 2 ore di “coltellate” ed ondate di energia, la seduta termina. Ero così preso da me stesso che non prestai attenzione a cosa veniva detto. Uscito dalla sala, ogni dolore era sparito e mi sentivo ravvivato e cambiato. 
    Da quel giorno, quotidianamente, a casa, due volte al giorno, mi “connetto” con la corrente divina ed a volte provo nuovamente gli stessi dolori. Dopo quasi 8 settimane i dolori alla schiena, come molti altri piccoli problemi fisici, scompaiono completamente, ma la cosa più importante è che provavo la sensazione di essere “ritornato a casa” ed uno splendido sentimento d'amore, protezione e guida divina che non avevo provato mai così intensamente. Da allora, fino ad oggi, i dolori alla schiena non si sono più ripresentati.
    Ringrazio Bruno Gröning dal profondo del mio cuore per avermi guarito e per avermi riconnesso con la fonte divina e per il suo continuare ad aiutarmi. 

    * Guarigione da una insonnia cronica 
    Ely R., Warilla, NSW, AUSTRALIA 
    Pubblicato il  31 agosto 2009 

    Per 35 anni ho sofferto di una forma cronica di insonnia, iniziata nella metà dei miei vent'anni e “trattata” subito con sonniferi. In poco tempo, dato che il mio metabolismo si adattò rapidamente al farmaco, dovetti raddoppiare il dosaggio. Dopo due anni di risvegli completamente “suonato”, decisi di sospendere il farmaco. Ma era troppo tardi: ero dipendente e non potevo dormire senza. 
    Provai con l'Ipnosi che funzionò solo per la prima notte e, dopo essermi reso conto che non potevo ricorrere all'Ipnosi ogni due giorni, chiesi aiuto ad un altro medico che mi prescrisse dei sedativi meno forti delle pillole per dormire, ma per dormire 6 ore dovevo prenderne una dose doppia... Abbandonai subito l'idea di smettere coi farmaci e mi rassegnai ad essere farmacodipendente per sempre. Ovviamente il sonno sotto farmaci non è come quello naturale. 
    Dopo 25 anni di uso di farmaci che danno la dipendenza, ai medici fu vietato prescrizverne se non in casi estremi. E' stato l'inizio del mio incubo: i medici non mi aiutavano e dovevo mentire vergognosamente per muoverli a pietà e farmi prescrivere 20 maledette pillole blandamente sedative. Ma quando come “malato” sono finito dentro ad un computer classificato come tossicodipendente. È scattata la conseguente proibizione a prescrivermi tali farmaci. 
    Ho allora iniziato con le alternative naturali, praticamente inutili, così per altri 10 anni ho dormito 3 o 4 ore, con la salute che si deteriorava rapidamente. Sono diventato vulnerabile a infezioni, raffreddori ed allergie,  con i miei livelli di energia ridotti al minimo.  Partecipo ad una sessione di Guarigione con Bruno Gröning: quella stessa notte dormo per 7 ore, tranquillamente; proseguo con le sessioni a casa ed in un gruppo. La qualità del riposo migliora quotidianamente. Parliamo di solo 5 mesi fa. Ora dormo normalmente, ho energia e gioia di vivere ed i mal di testa e la confusione mentale sono sparite. 
    Ringrazio Dio per aver messo sulla mia strada Bruno Gröning ed i suoi insegnamenti.

    *Guarigione dai dolori in una gamba rotta 
    Terry R., Warilla, NSW, AUSTRALIA  
    Pubblicato il 9 settembre 2009

    A Pasqua del 2007 cado da una scala. Di fatto la scala cede mentre sono in cima: una gamba rotta in 2 punti; due viti nella tibia, 4 viti ed una piastra nel perone. 
    Dopo numerosi mesi di fisioterapia, agopuntura e massaggi, sentivo ancora molto dolore, c'era tumefazione, movimenti limitati, disturbi a letto (calore nell'anca). Tanto che dovevo dormire con la gamba scoperta penzolante dal lato del letto. Camminavo zoppicando, tutto il corpo era sbilanciato a causa dei movimenti limitati: quelli dell'anca ridotti al 40 - 45%. 
    Torno dal chirurgo e mi spiega che a quel punto avrei dovuto aver recuperato dall'80 al 90% dei movimenti, avere solo piccoli disagi tipo una piccola riduzione nei movimenti ed un po' di gonfiore a causa del metallo inserito. Per superare questi disturbi si dovrebbero poi rimuovere viti e piastra ma non c'è nessuna garanzia che le ossa si siano saldate perfettamente e non si rompano nuovamente!
    Me ne esco un po' sconcertato, proseguo negli esercizi di fisioterapia a casa e con i massaggi una volta al mese. La cosa va avanti per 2 anni con un piccolissimo miglioramento, meno dolori, la mobilità all'anca che nei giorni buoni è al 60%, ho comunque meno gonfiore e meno calore la notte. 
    Poi, il 19 aprile 2009 a Oak Flats partecipo ad una sessione di Guarigione Spirituale e Meditazione di Bruno Gröning. Durante la sessione, benché mi sentissi molto rilassato, libero da preoccupazioni e rinvigorito, non ho un miglioramento immediato nella gamba ma avverto un tipo diverso di calore nell'anca: come se una debole corrente elettrica le passasse attraverso. Alla terza e quarta sessione inizio a sentire - nel piede, gamba, coscia ed anca destra - dei piccoli spasmi muscolari ed un calore formicolante, come quello da ghiaccio. Quando medito a casa la cosa si ripresenta, e lo fa ancora.
    Ora sono passati 5 mesi ed il dolore è diminuito fino ad essere solo un piccolo fastidio, la tumefazione è praticamente scomparsa, il movimento dell'anca è al 95%, i calore notturno è sparito. L'equilibrio del corpo è quasi tornato normale e posso fare quasi tutte le cose, normali, che non riuscivo a fare solo 5 mesi fa: la corsa sulla spiaggia, piegarmi o flettermi facendo giardinaggio o pulendo l'auto. 
    So che sono cose semplici, ma quando sei stato impossibilitato a farlo anche solo per un po', poi ti senti molto bene. Questi miglioramenti hanno portato ad un miglioramento anche della mia salute in generale: non sono più stanco ed affaticato come prima. 
    Perciò, mentre grazie agli insegnamenti di Bruno Gröning continuo a ricevere da Dio l'energia divina, sento che la mia salute può solo migliorare. Benedetto il giorno quando ho visto l'avviso sul giornale e sono andato ad Oak Flats dove ho incontrato Peter e Petra che ci ha introdotti a questo insegnamento semplice ed efficace. 

    *Inattesa guarigione dal mal di denti 
    Jack D.,Chester, UNITED KINGDOM

    Recentemente ho ricevuto una guarigione che è stata una sorpresa...
    Durante un fine settimana – nessun dentista aperto – mi sono ritrovato col mal di denti. Se posso evitarlo, preferisco non assumere antidolorifici, così prendo solo una piccola quantità di propoli (una resina gommosa naturale) che mi da un po' di sollievo tenendola in bocca. Ma è debole ed incostante.
    La mattina di lunedì, dopo circa 30 ore di dolori intermittenti, sono abbastanza esasperato. Quando mi alzo, cerco di sedermi per meditare ma il dolore ai denti non mi permette di concentrarmi e così, dopo 10 minuti, torno a coricarmi a letto.
    Sdraiato a letto mi rendo conto che comunque sono in grado di aprire le mani e sintonizzarmi con l'energia guaritrice, per come mi è stato mostrato. Facendolo mi sento rilassato ed a mio agio, riesco a concentrarmi e chiedo che l'energia guaritrice entri in me. La mia consapevolezza scivola via piuttosto rapidamente e dormo per un paio di minuti. Al risveglio, poco dopo, mi rendo gradatamente conto che non ho più dolori in bocca e che mi sento piuttosto bene.
    Dopo questa piacevole sorpresa, riposo un po, stentando a credere nella mia buona sorte. Dopo essermi alzato, mi tocco il volto nell'area prima dolorante ed avverto solo un certo intorpidimento, una sensazione come di una leggera anestesia locale. 
    Quella mattina riesco a fare una normale colazione con pane tostato, miele ed una tazza di tè, poi un pranzo regolare alle 13... tutto senza alcun dolore. 
    Mi sento privilegiato e grato per questa rapida guarigione miracolosa, verificatasi quasi appena ho aperto le mani per ricevere l'energia guaritrice ed aver chiesto a Bruno Groening di intercedere per l'aiuto e la guarigione. 

    * DISTURBI DEL SONNO  
    Jack D. Chester, UNITED KINGDOM 
    Pubblicato il 26 gennaio 2008

    Negli ultimi 5 anni – o forse più – mi è capitato molte notti di risvegliarmi di colpo senza sapere esattamente perché, per poi cambiare leggermente posizione. Muovendomi, l'energia interna del mio corpo sembrava “ribollire”, soprattutto nelle gambe e nel fondo schiena. Come se un qualche grosso campo di energia se ne andasse di corsa... 
    Iniziai a sospettare una qualche attività di “vampirismo”, una forma di intrusione energetica da parte di qualche “disincarnato”... e quando la cosa iniziò a ripetersi notte dopo notte, ne fui spaventato. A volte molto spaventato, e mi chiedevo cosa stesse accadendo. Pregavo sinceramente Dio, altri maestri – dopo la mia introduzione il 6 di marzo – Bruno Groening. Il mio amico – che dormiva in un'altra stanza della stessa casa – non ne era toccato ed era totalmente inconsapevole dei miei problemi notturni. 
    Cercai ripetutamente aiuto e consiglio da esperti di diverse nazioni, e l'effetto fu di ridurre tali “intrusioni”, che però poi invariabilmente ripartivano. L'informazione migliore e più utile mi è venuta da una signora che è stata in grado di potenziare la mia aura e tenere lontano “lui” per alcuni mesi. E' da lei che sono venuto a conoscere la vicenda dell'anima di un uomo che era morto in uno stato mentale agitato e che ancora frequentava l'edificio (un complesso di 4 piccole case unite insieme). Sono venuto così a conoscere l'intera storia di quest'uomo, il suo carattere, le sue idee fisse e le circostanze della sua morte: suicidio. 
    Due diversi professionisti sono venuti a “pulire” casa mia, oltre a speciali preghiere ed altre misure del caso. Nonostante ciò, ”lui” rimaneva presente, si muoveva in giro nella mia abitazione, era in grado di entrare nel mio corpo mentre dormivo. Era “lui” la “cosa” che mi svegliava. Avevo anche assorbito le sue ansie ed i suoi schemi di pensiero... il che aggiungeva altra spiacevolezza agli episodi notturni. A quel punto il mio terrore divenne indignazione e volevo cacciarlo via ma ero impotente nel prevenirne le incursioni notturne, ne ero terrorizzato, e mi chiedevo cosa mai facesse dentro di me.
    Nell'autunno del 2007, avevo finito le contromisure, ma andai ad ordinare una lampada a “luce nera” da tenere accesa tutta notte avendo sentito che i fantasmi evitano una luce di tale frequenza. Quella notte, prima di coricarmi, mi ricordai di aver caricato nel mio lettore mp3 dei discorsi di Bruno Groening che avevo convertito dal CD... e che, fino ad allora, non avevo mai ascoltato! Portai il lettore a letto con me e – mentre ero sintonizzato con l'energia guaritrice – ascoltai per oltre un'ora la voce di Bruno. Era come essere nella stessa stanza con lui. Ad un certo punto devo essermi addormentato perché poi mi sono svegliato. La registrazione era terminata - o lo erano le batterie – ma sentii una voce che parlava in inglese... insonnolito, colgo solo le ultime parole: “...è stato portato via”. Ovviamente, Bruno parla solo tedesco. 
    Rimango disteso per un po' chiedendomi se era solo la mia immaginazione o se qualcosa fosse stato davvero portato via... e quando sono sicuro che non sarei stato più “attaccato”, mi riaddormento.
    Da quella notte, le intrusioni sono cessate e non si sono ripresentate. Percepisco che casa mia è ora libera da quell'essere disturbante, ritengo di aver ricevuto aiuto ed assistenza da parte di Bruno, che ho pregato ed al quale ho chiesto di liberarmi. Sono molto grato per il mio sonno tranquillo e le mie pacifiche notti. 
    Sono sicuro che quell'anima sia stata – o sarà – molto felice di essere stata anch'essa aiutata.
    *


    Website Builder provided by  Vistaprint